1. Collezione
  2. Centrale telefonica

Centrale telefonica Versam

centrale Hasler HS31

L’edificio della centrale telefonica oggi appartenente al Museo fu realizzato in due tappe. Lo stabile originale, risalente al 1916, veniva chiamato la «fucina» dagli abitanti del comune. Nel 1950 vi venne installata la centrale telefonica. Tra il 1960 e il 1964, le PTT costruirono un edificio annesso con rivestimenti in Eternit. L’interrato ospitava il locale cavi, i WC e il locale batteria; il pianterreno la centrale Hasler HS31 e altri dispositivi tecnici di commutazione. Il selettore elettromeccanico interfacciava le 210 linee telefoniche della rete locale di Versam. La centrale è rimasta in servizio dal 1943 al 1989. Oggi staccata dalla rete telefonica, è conservata nella sua integralità.

Centrali telefoniche storiche

Il Museo della comunicazione di Berna possiede quattro centrali telefoniche di rilevanza storica. La tecnica di commutazione elettromeccanica delle società Hasler, Siemens e Standard Telephon & Radio AG (STR) è stata concepita in Svizzera. È conservata in sito come parte della cultura industriale del nostro Paese.

Nelle centrali telefoniche, il chiamante veniva messo in collegamento con il numero desiderato attraverso un selettore rotativo o una tastiera. Negli anni Venti si passò alla commutazione elettromeccanica. Oggi la connessione è digitale. Le centrali fungono da interfaccia nella rete telefonica e consentono la comunicazione tra gli utenti. Le centrali telefoniche automatiche hanno sostituito la commutazione manuale che richiedeva l’intervento di un’operatrice, meglio nota come ‘signorina del centralino’.